La Fondazione Maria Teresa Lavazza, in collaborazione con Adisco Sezione Piemonte, e Fondazione Compagnia di San Paolo hanno contribuito alla realizzazione di un Centro di Simulazione Avanzata presso l’Ospedale Regina Margherita di Torino.

PROGETTO

La Fondazione Maria Teresa Lavazza e Fondazione Compagnia di San Paolo hanno destinato un importo complessivo di circa 400 mila euro per la realizzazione del Centro di Simulazione Avanzata presso l’Ospedale Regina Margherita di Torino.

  • La mission principale del progetto è aumentare la sicurezza dei pazienti e la qualità delle cure.
  • Si calcola che siano un milione e duecentomila, ogni anno, nel mondo i decessi legati al rischio clinico, cioè alla possibilità che un paziente subisca un danno involontario imputabile alle cure sanitarie. Tali perdite potrebbero essere scongiurate attraverso interventi di adeguata prevenzione.
  • La simulazione rappresenta uno strumento essenziale per garantire proattivamente una riduzione del rischio clinico attraverso il miglioramento della qualità delle cure. La caratteristica fondamentale della simulazione è, infatti, quella di poter verificare in tempo reale le conseguenze delle azioni compiute.
  • La letteratura scientifica ha evidenziato come l’addestramento basato sulla simulazione ed esperito in luoghi appropriati risulti efficace sia nello sviluppo delle abilità tecniche e procedurali (come la gestione delle vie aeree, le tecniche chirurgiche, ecc.) sia di quelle comportamentali e relazionali (come la risoluzione dei problemi, comunicazione, lavoro di squadra, ecc.).
  • La simulazione facilita l’apprendimento di procedure complesse e/o invasive attraverso l’esercizio simulato ripetuto di azioni gestuali o «skill» in condizioni di assenza di rischi per il paziente; permette la revisione delle conoscenze teoriche di diagnosi e terapia attraverso scenari clinici e situazionali con richiamo sistematico alle linee-guida ed alle evidenze e dati di letteratura; promuove il conseguimento della capacità di gestione dei team sanitari in situazioni ordinarie e/o critiche attraverso il role-playing di casi clinici simulati ad alta fedeltà; consente di identificare, valutare e risolvere minacce latenti o errori di sistema e di sviluppare quindi nuovi processi correttivi attraverso le simulazioni che si svolgono nei reali ambienti di cura.
  • L’esperienza concreta, l’osservazione riflessiva e la partecipazione attiva siano elementi essenziali per il professionista, affinché assimili nuove conoscenze e competenze per poter poi agire con appropriatezza e sicurezza nelle situazioni cliniche reali. La caratteristica fondamentale della simulazione è infatti quella di poter verificare in tempo reale le conseguenze delle azioni compiute.
  • I laboratori di apprendimento denominati “centri di simulazione” sono strutture in cui personale qualificato e/o in formazione apprende le abilità operative cliniche, comportamentali e sociali in modo specifico e mirato prima o in maniera complementare all’esposizione diretta con il paziente.

OBIETTIVI

La missione principale del Centro è rafforzare la comprensione cognitiva e le capacità procedurali dei professionisti sanitari al fine di:

  • migliorare le prestazioni professionali e le pratiche di sicurezza;
  • sviluppare approcci esperienziali, contestuali e immersivi;
  • sviluppare attività di ricerca attraverso l’uso della simulazione.

SPAZI

Il Centro è in grado di erogare formazione interprofessionale e multidisciplinare. La chiave principale nel design dell’infrastruttura da utilizzare dovrà essere la flessibilità, anche in ragione del fatto che i requisiti tecnologici e formativi evolvono nel tempo così come gli standard clinici e tecnici.

Il Centro dovrà comprendere sale di simulazione, sale regia, sale di addestramento per le abilità procedurali e sale multiuso per la didattica e il debriefing post esercizio.

Tutti gli spazi dovranno essere dotati di impianti audio-video ed essere interconnessi, garantendo così la massima interattività durante lo svolgimento delle attività di simulazione.

RISULTATI ATTESI

La creazione di un Centro di Simulazione permette di:

  • elevare le competenze dei professionisti sanitari già formati o in formazione, migliorando le qualità delle cure e minimizzando il rischio clinico a garanzia di una maggiore tutela e sicurezza dei pazienti;
  • garantire un uso efficiente delle risorse umane, materiali e di apparecchiature, massimizzando i risparmi economici (economia di scala);
  • aumentare l’attrattività della scuola di formazione in ambito di Medicina Generale offrendo maggiori opportunità di formazione nell’ambito della pratica clinica, alleggerendo la pressione sulle strutture sanitarie, sia pubbliche sia private, devono sostenere per il training dei professionisti in formazione;
  • assicurare il mantenimento delle competenze cliniche dei professionisti nelle diverse discipline sanitarie;
  • ridurre o evitare i costi di trasferta del personale consentendo una formazione equivalente presso il Centro;
  • coinvolgere altri Partner, sia pubblici sia privati, nell’utilizzo della simulazione, sia nel campo sanitario, ma in tutti i settori in cui la simulazione potrebbe trovare valida applicazione (Polizia, Esercito, Protezione Civile, ecc.)